Festa della Repubblica, celebrazioni on line - Comune di Montechiarugolo

archivio notizie - Comune di Montechiarugolo

Festa della Repubblica, celebrazioni on line

Festa della Repubblica, celebrazioni on line

 
Festa della Repubblica, celebrazioni on line

«Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione.»
(Piero Calamandrei, Discorso ai giovani tenuto alla Società Umanitaria,

Milano, 26 gennaio 1955)

 

Il 2 Giugno (data in cui si svolse il referendum con cui il popolo italiano venne chiamato nel 1946 a scegliere tra Repubblica o Monarchia la forma di governo del paese), l’Italia celebra la Festa della Repubblica. Dopo sei anni dall'inizio della seconda guerra mondiale e venti anni dall'inizio della dittatura, il 2 giugno 1946 si svolsero contemporaneamente il referendum istituzionale e l'elezione dell'Assemblea Costituente.All’epoca il clima era tutt’altro che festoso: il nostro Paese era reduce dalla Seconda guerra mondiale e il voto si svolse tra le macerie dei bombardamenti, mentre migliaia di italiani erano ancora internati nei campi di prigionia, intere province erano sotto il governo militare straniero e regnava un clima da guerra civile.

 

Nel discorso pronunciato il mese scorso in occasione del 25 aprile il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha tracciato un parallelo tra il dopoguerra e l’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, la crisi più grave che il nostro paese ha vissuto dalla sua unità. Allora, dopo una guerra disastrosa che aveva ridotto il Paese a un insanguinato cumulo di rovine, «con tenacia, con spirito di sacrificio e senso di appartenenza alla comunità nazionale, l’Italia ha superato ostacoli che sembravano insormontabili…  le energie positive che seppero sprigionarsi in quel momento portarono alla rinascita... e il popolo italiano riprese in mano il proprio destino». Ed è proprio ciò che siamo chiamati a fare oggi: nell’emergenza abbiamo riscoperto il nostro orgoglio nazionale, abbiamo dimostrato di essere un grande Paese e di possedere tutte le risorse e le energie per superare la gravissima crisi che sconvolge tutto il pianeta.


Anche la cerimonia del 2 giugno, come già quella organizzata in occasione del 25 aprile è destinata ad essere una festa solo virtuale, senza raduni, cortei, discorsi nelle piazze.Ma non per questo rinunceremo a festeggiarla, al contrario!

 

Come già in occasione del 25 aprile, all’insegna del “Distanti ma uniti” stiamo organizzando l’evento sui canali social del Comune – dichiara il Sindaco Daniele Friggeri -  non potendolo fare di persona, come negli anni scorsi,  abbiamo consegnato ai cittadini neo18enni residenti nel comune, circa un centinaio, una copia della Costituzione Italiana. Abbiamo chiesto loro di mandarci un contributo (video o audio) con la lettura dell’articolo della Costituzione che più li rappresenta. Quindi, anche se a distanza, saranno loro i protagonisti di questa Festa della Repubblica. Lo stesso invito è stato rivolto anche ai Consiglieri Comunali.

 

Il programma della manifestazione, che non si svolgerà in presenza a causa delle restrizioni in vigore per il contenimento del Coronavirus, ma sui canali social del Comune.

 

Martedì 02 giugno 2020

ore 10,30 -  Discorso del Sindaco Daniele Friggeri
ore 11,00 - Introduzione dell’iniziativa “Omaggi alla Costituzione” dell’Ass. Laura Scalvenzi
ore 12,00 - L’Inno di Mameli interpretato dalla Montechiarugolo Folk Band Tullio Candian
A seguire
Video contributi all’iniziativa “Omaggi alla Costituzione”: i ragazzi e gli Amministratori comunali leggono per noi gli articoli della Costituzione

 


Pubblicato il 
Aggiornato il