Riapriamo sicuri, il sostegno al commercio - Comune di Montechiarugolo

archivio notizie - Comune di Montechiarugolo

Riapriamo sicuri, il sostegno al commercio

Riapriamo sicuri, il sostegno al commercio

 

L’Amministrazione comunale, nel contesto emergenziale dovuto alla epidemia da COVID-19, con l’approvazione della delibera di Giunta n. 58 dell’8 maggio scorso ha messo a punto  un pacchetto di  interventi denominato “Incentivo di Continuità”.


Durante la fase 1 dell’emergenza la popolazione ha sempre potuto contare sugli esercizi commerciali rimasti in attività, che si sono prodigati con consegne a domicilio, articolazione degli orari di lavoro ecc. Molti negozi invece si sono dovuti adeguare alle rigide quanto necessarie imposizioni del lockdown e sono stati costretti ad abbassare le saracinesche, con il risultato di vedere il loro reddito azzerato  - dichiara  il Sindaco Daniele Friggeri  - Abbiamo ritenuto doveroso intervenire a sostegno di una categoria che ha pagato e sta tuttora pagando un prezzo molto alto con alcune misure come la riduzione di TOSAP, COSAP ecc. e due diversi bandi, ciascuno finanziato con una dotazione iniziale di 40milaeuro, uno destinato a sostenere le imprese nell’adeguamento ai protocolli di sicurezza, il secondo finalizzato a dare un po’ di ossigeno ai titolari delle imprese commerciali, in vista della tanto attesa ripartenza.


Il  “Bando riapriamo sicuri” prevede la concessione di un contributo una tantum a fondo perduto a copertura parziale di costi che le imprese devono sostenere per poter riprendere le attività in sicurezza, secondo le prescrizioni indicate dai protocolli anticontagio della Regione Emilia Romagna di cui al  DPCM 17.05.2020.


Il contributo viene erogato nella misura massima di 600,00 euro (al netto dell’IVA) per attività, per l’abbattimento fino al 60% delle spese (documentate) sostenute per acquisti direttamente correlati alle prescrizioni anticontagio come ad esempio  la ristrutturazione dei locali per adeguamento alla normativa; l’acquisto di divisori, pannellature, schermature, termoscanner e dispositivi atti a garantire la sicurezza degli operatori e della clientela, prodotti per la sanificazione e disinfezione degli ambienti ecc. – precisa il Vicesindaco con delega alle Attività produttive Francesca MantelliI contributi sono destinati  alle attività commerciali e ricettive, servizi alla  persona e altre attività aventi sede operativa all’interno del territorio comunale, come negozi, supermercati, esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande, edicole, tabaccherie, farmacie, pasticcerie, gelaterie, pizzerie al taglio; acconciatori, estetiste, tatuatori, strutture ricettive come alberghi e agriturismi.


Le spese ammissibili dovranno essere documentate ed effettuate nel periodo 09 marzo – 30 novembre 2020. Non sono ammesse spese correnti (affitto, utenze), spese di personale ecc. e deve essere presentata una sola domanda per unità produttiva. Non è ammesso il cumulo con altre agevolazioni.
Il fondo disponibile ammonta a complessivi euro 40.000 e potrà essere prorogato o rifinanziato,  anche in base alle richieste pervenute. Le domande, in bollo, dovranno essere presentate dal 22 maggio al 10 dicembre 2020 tramite raccomandata AR o PEC e verranno liquidate in ordine cronologico e nell’ambito delle risorse disponibili.


Il secondo intervento nasce per agevolare la ripresa delle attività e consiste in un  contributo una tantum a fondo perduto, determinato in € 500,00 e destinato ai titolari degli esercizi commerciali che hanno già presentato domanda delle indennità di 600,00 euro previste dai DD.LL 18/2020 (Cura Italia) e 23/2020 (decreto liquidità) con esito positivo.
Anche in questo caso la cifra messa a disposizione dall’Amministrazione comunale ammonta a 40mila euro. Gli interessati potranno inoltrare domanda all’indirizzo mail:
sostegnocovid@comune.montechiarugolo.pr.it
utilizzando il modulo scaricabile dal sito web del Comune  corredato da tutti gli allegati indicati nel bando.
I contributi saranno erogati direttamente sul CC indicato dal richiedente, seguendo l’ordine di arrivo fino ad esaurimento del fondo e salvo rifinanziamenti e/o proroga da parte della Giunta.
 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il