6 tablet per i ragazzi dell’IC Barilli - Comune di Montechiarugolo

archivio notizie - Comune di Montechiarugolo

6 tablet per i ragazzi dell’IC Barilli

6 tablet per i ragazzi dell’IC Barilli

 
6 tablet per i ragazzi dell’IC Barilli

 

Lunedì 4 maggio il Sindaco Daniele Friggeri ha consegnato alla Dirigente dell’Istituto Comprensivo C. Barilli di Montechiarugolo 6 tablet donati dall’Associazione Comuni Virtuosi, di cui il nostro ente fa parte.

 

I tablet saranno concessi in comodato d’uso agli studenti dell’Istituto che non ne sono in possesso per consentire loro di fruire a pieno titolo dell’attività didattica a distanza.

 

Il mio personale ringraziamento e quello di tutta la scuola vanno la nostro Sindaco e all’Associazione Comuni Virtuosi per il significativo contributo che hanno voluto offrire per assicurare a tutta la comunità scolastica di Montechiarugolo il supporto necessario per il miglior funzionamento delle attività didattiche in questa difficile emergenza – ha dichiarato Marianna Rusciano, Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo C. Barilli di Montechiarugolo.

 

Mi unisco ai ringraziamenti e aggiungo che insieme all'assessore Scalvenzi i nostri sforzi sono costanti dall'inizio della pandemia per consentire alla scuola di arrivare a casa di tutti gli studenti. - afferma il Sindaco Daniele Friggeri - A Montechiarugolo nessuno sarà escluso dal diritto all'istruzione, anche e soprattutto in questo periodo.

 

I tablet sono stati acquistati dall’Associazione Comuni Virtuosi grazie ad una raccolta fondi organizzata per abbattere il digital divide.

 

A causa dell’epidemia di Covid-19 nelle scorse settimane l’Associazione Comuni Virtuosi ha deciso di fare un passo indietro e cancellare la sesta edizione del Festival della Lentezza, prevista per il giugno 2020. E’ un momento delicatissimo, di dolore e di paura.. Non ce la sentiamo di festeggiare. Ci sarà tempo per stare insieme. Facciamo un passo indietro, ora, per farne tanti in avanti..

 

Partendo dal dato che un bambino su quattro vive in una casa senza un computer e/o connessione ad internet l’Associazione ha ritenuto di contribuire concretamente alla riduzione del digital divide per bambini e ragazzi. Questa fascia soffre molto più di altre l’isolamento di queste settimane: avere un tablet significa mantenere il contatto i compagni di classe, gli insegnanti e gli amici.

 

L’Associazione ha quindi chiesto agli sponsor del festival di convertire le risorse già impegnate per sostenere la raccolta. L’adesione di importanti aziende come Esper, Chiesi e Zec hanno permesso l’acquisto dei tablet che l’Associazione sta ora distribuendo in collaborazione con i comuni soci.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il