Open      

Carte d'identità elettroniche difettose

E' possibile verificare online se la propria CIE presenta anomalie


A seguito di un unico caso di mancato riconoscimento elettronico di una CIE valida per l'espatrio, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha verificato i propri processi di produzione e ha rilevato che 299.400 carte d’identità elettroniche valide per l’espatrio, emesse nel periodo tra ottobre 2017 e febbraio 2018, presentano un difetto nel chip.


Il Ministero dell’Interno ha quindi attivato sul proprio sito una procedura online che consente ai cittadini di verificare la presenza di eventuali difetti all’interno della propria CIE.


Collegandosi al sito www.cartaidentita.interno.gov.it è possibile accedere al servizio “Verifica CIE” e verificare in tempo reale - inserendo il codice fiscale ed il numero di serie della CIE - se questa rientri o meno tra quelle che presentano il difetto.


L'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato sta provvedendo ad inviare all’indirizzo di ciascun titolare di CIE difettose una lettera che illustra la problematica evidenziata.


Nel caso in cui la propria CIE risulti difettosa, il cittadino potrà fissare un appuntamento all’Ufficio Relazioni con il Pubblico per richiederne, gratuitamente, la sostituzione.


Inoltre, sempre per evitare disagio ai cittadini, nel caso delle Cie valide per l’espatrio, il Poligrafico ha avviato con le Amministrazioni di riferimento (Uffici di Polizia di frontiera nazionali e la rete diplomatica e consolare), tutte le procedure previste a livello nazionale ed internazionale per la corretta gestione di questi documenti in caso di attraversamento di frontiere evidenziando l’assoluta validità delle stesse quali documenti di identità e di viaggio.


Per maggiori informazioni rivolgersi all'URP, aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle ore 8:00 alle ore 13:00 - Tel. 0521/687727-742.

Immagini
CIE
Pubblicato il giovedì 31 maggio 2018
Aggiornato il martedì 10 luglio 2018