Perfetti sconosciuti - Comune di Montechiarugolo

Eventi - Comune di Montechiarugolo

Perfetti sconosciuti

Perfetti sconosciuti

Domenica 23 agosto alle ore 21,30 secondo appuntamento con  la rassegna Cinema Estivo 2020 in Piazza Fornia a Monticelli Terme, con ingresso gratuito.

 

Domenica 23 agosto la rassegna prevede la proiezione del film Perfetti sconosciuti film commedia del 2016 con la regia di Paolo Genovese ed un cast in cui spiccano tra gli altri Giuseppe Battiston, Anna Foglietta, Marco Giallini, Edoardo Leo, Valerio Mastandrea.

Il film, scritto dallo stesso regista insieme a Filippo Bologna, Paolo Costella, Paola Mammini e Rolando Ravello, ha vinto 3 Nastri d'Argento e 2 David di Donatello.

Una "cena delle beffe" che guarda all'attualità e vanta una scrittura precisa, disincantata e comica al punto giusto.

Quante coppie si sfascerebbero se uno dei due guardasse nel cellulare dell'altro?

È questa la premessa narrativa dietro la storia di un gruppo di amici di lunga data che si incontrano per una cena destinata a trasformarsi in un gioco al massacro.

E la parola gioco è forse la più importante di tutte, perché è proprio l'utilizzo "ludico" dei nuovi social  (chat, whatsapp, mail, sms, selfie, app, t9, skype, social)  a svelarne la natura più pericolosa: la superficialità con cui (quasi) tutti affidano i propri segreti al proprio smartphone (o tablet, o pc) credendosi moderni e pensando di non andare incontro a conseguenze, o peggio ancora, flirtando con quelle conseguenze per rendere tutto più eccitante.

I "perfetti sconosciuti" di Genovese in realtà si conoscono da una vita, si reggono il gioco a vicenda ostinandosi a non capire che è la protezione dell'altro, anche da tutto questo, a riempire la vita di senso.

Il regista affronta di petto il modo in cui l'allargarsi dei cerchi nell'acqua di questi "giochi" finisca per rivelare la "frangibilità" di tutti: il team degli sceneggiatori ha lavorato su un argomento molto spinoso e di grande attualità.

Il copione lavora bene sugli incastri e sugli snodi narrativi, sulla verità nei dialoghi e descrive tipi umani riconoscibili. Il cast fa onore al testo,  ognuno aggiunge al proprio ruolo una parte di sé, un proprio timore reale: questa società così liquida da tracimare di continuo, sommergendo ogni nostra certezza, fa paura a tutti, che stiamo sulla difensiva, cercando di restare in piedi (o sopravvivere, come canta il motivo di apertura sopra i titoli di testa).

Il tono è adeguato alla narrazione: comico al punto giusto, con sfumature sarcastiche e iniezioni di dolore. Questa "cena delle beffe" attinge a molto cinema francese e americano, ma la declinazione dei rapporti fra i commensali è italiana, con continui riferimenti a un presente in cui il lavoro è precario, i legami fragili e i sogni impossibili. La scrittura è crudele, precisa, disincantata.

Quello che manca, a ben guardare, è quella profondità abissale, quella vertigine di consapevolezza del miglior cinema italiano (su tutti Ettore Scola, non a caso anche qui c'è una terrazza). Ma non è colpa degli sceneggiatori o del regista: è un segno dei tempi,  la "frangibilità" delle identità e dei rapporti consente la rivelazione di qualche doppiofondo, non quella sospensione sull'orlo dell'abisso che "non è paura di cadere ma voglia di volare”.

 

La rassegna si concluderà domenica 30 agosto  con la proiezione del film Miss Peregrine.

Ricordiamo inoltre che durante la manifestazione sarà in vigore l'ordinanza n. 63/2020 che prevede l'uso obbligatorio di mascherina protettiva (anche non certificata), dalle ore 19,30 alle ore 24,00 delle domeniche 2-9-16-23-30 Agosto 2020, all’interno dell’area interessata dall’iniziativa “Agosto a Monticelli – Cinema estivo in piazza Fornia” e precisamente:

  • In via Montepelato Sud dall’intersezione con Via Marconi all’intersezione con Via De Gasperi.
  • In Via Matteotti;
  • In piazza Fornia;

Sono consentite le seguenti DEROGHE all’obbligo di indosso della mascherina:

  • Agli spettatori, per il periodo di permanenza seduti ai posti appositamente allestiti;
  • Agli avventori degli esercizi di somministrazione compresi nell’area interessata dall’ordinanza per il tempo strettamente necessario alla consumazione o limitatamente al periodo in cui rimangono seduti ai tavoli mantenendo la distanza di 1 metro dagli altri partecipanti.

 

Pubblicato il 
Aggiornato il